lunedì 17 dicembre 2007

kernel 2.6.23.11 installiamolo con kerneler

il nuovo kernel 2.6.23.11 corregge alcuni problemi in merito al risparmio energetico , per installarlo ci serviremo del programma kerneler.

il sito di riferimento del progetto kerneler lo trovate qui: http://www.kerneler.org/index.php?title=Pagina_principale

per scaricarlo aprite un terminale scrivete:

wget http://mesh.dl.sourceforge.net/sourceforge/kerneler/kerneler_0.19a_alpha.tar.gz

scompattate il pacchetto con tar.

sudo tar zxvf kerneler_0.19a*

date i permessi di esecuzione alla nuova cartella kerneler_0.19a_alpha

sudo chmod -R a+rwx kerneler_0.19a_alpha
sudo chown -R $USER:$USER kerneler_0.19a_alpha

create una cartella di nome kerneler all'interno della vostra cartella home.

mkdir kerneler

entrate dentro la cartella kerneler_0.19a_alpha ,lanciate lo script kerneler.

cd kerneler_0.19a_alpha
sudo ./kerneler

appena in esecuzione lo script vi consiglia di installare alcuni applicativi necessari alla corretta compilazione del kernel, installateli.

finita l'installazione delle dipendenze il programma vi chiede la versione del kernel da scaricare indicate la versione 2.6.23.11.






decomprimete i sorgenti.

compilate il kernel scegliendo tra il vecchio file di configurazione ho partendo da zero.




come configurazione standard seguite questa.

Configurazione standard

Seguire quanto descritto per evitare spiacevoli inconvenienti in fase di compilazione:

  1. In «General Setup» attivare:

    • -Support for paging of anonymous memory (swap)

      • --Support for prefetching swapped memory

  2. In «Processor type and features»:

    • In «Processor family» scegliere il modello del processore.

    • Attivare Preemption Model-> Voluntary Kernel Preemption (Desktop)

    • In «High Memory Support» scegliere:

      • off se si possiede meno di 1 GB di RAM

      • 1GB Low Memory Support se si possiede 1GB di RAM

      • 4GB se si possiede più di 1GB di RAM

    • In «Timer frequency» abilitare: 1000 Hz

  3. In «Graphics Support»

    • Disabilitare NVIDIA RIVA se si usano driver Nvidia proprietari.

  4. In «Block layer -> IO Schedulers» lasciare solo «CFQ I/O scheduler», otterrete una migliore performance.

  5. In «Kernel hacking» deselezionare «Kernel debugging».


come sito web utile per una corretta configurazione ottimizzata nei minimi particolari di un kernel linux collegatevi qui: http://www.kroah.com/lkn/

finita la fase della configurazione scegliete dal menu principale di kerneler l'opzione menu di compilazione del kerneler, scegliete di creare tutti i pacchetti deb.


alla fine troveremo i pacchetti deb pronti per essere installati, seguite l'opzione 8 di kerneler menu di installazione dei pacchetti.

vi ricordo che prima di riavviare la macchina se avete schede video nvida o ati dovrete reinstallare i driver grafici, servitevi dell'ottimo programma envy , scaricate il pacchetto scrivendo da terminale:

wget http://albertomilone.com/ubuntu/nvidia/scripts/ubuntu/envy_0.9.9-0ubuntu2_all.deb

installatelo con dpkg.

sudo dpkg -i
envy_0.9.9-0ubuntu2_all.deb

in alternativa per ripristinare i driver nvidia potrete usare l'ottima guida di logubuntu che trovate qui:
http://logubuntu.netsons.org/wordpress/?p=72


per verificare che il nuovo kernel sia correttamente installato scrivete da terminale.

uname -a




3 commenti:

logubuntu ha detto...

Ciao,
scusami mi permetto di integrare la tua guida con una che ho fatto io che risparmi a un pò di fatica agli utilizzatori di schede nvidia, dopo aver installato il kernel compilato non è necessario reinstallare i driver con envy, basta seguire questa guida per ripristinarli :P
se ritieni che sia spam elimina pure il commento non ci sono problemi ;)

santo vasta ha detto...

grazie del tuo suggerimento ottima la tua guida sul ripristino dei driver nvidia.

lo metto nella mia guida grazie.

ciao

Martino ha detto...

io ho un problema nel senso che quando clicco su scarica sorgenti non scarica nulla, è sbagliato il path di download?
il path è http://kernel.org
per ora io agisco scaricando manualmente e poi selezionando, fra le opzioni iniziali, seleziona sorgenti decompressi